Apennine mountains, on going

Tempo di ritorno / Return period

tèmpo [lat. tĕmpus, di etim. discussa] s. m.
di ritòrno [da ritornare] s. m.
1 Stimatore della ripetitività del fenomeno sismico.
2 Movimento per ripensare i luoghi ai margini e ripartire.

Return (lat. tempus, of etim. discussed)
period
1  Estimate of the likelihood of an earthquake.
2 Afterthought of marginal places.







A seguito di un precedente lavoro di documentazione per Lo Stato delle cose dei luoghi e delle comunità colpite dal terremoto, sentiamo l’esigenza di operare nelle comunità dall’interno scegliendo di utilizzare il video e la fotografia non come strumenti di una nostra narrazione, ma come strumenti che diano voce alla narrazione della comunità stessa. 

After a previous documentary project for Lo Stato delle cose dealing with communities affected by earthquake, we feel the need to move on withto use video and photography as tools that give voice to the community itself.





Abitare temporaneo - abitare a lungo termine
La ricerca si sviluppa all’interno di tre comunità montane dell’Appennino coinvolte dal terremoto del 2016, Montegallo, Arquata del Tronto e Amatrice, luoghi fragili sia da un punto di vista fisico sia politico. Qui il processo di spopolamento e abbandono già in atto è stato accentuato dalle conseguenze del terremoto. L’urgenza di indagare queste realtà periferiche, ma peculiari del contesto italiano, ambisce a lavorare sulla rottura della geografia del paesaggio che si è creata dopo il sisma. Le comunità sono rilocate in Sae (Soluzioni abitative di emergenza), strutture prefabbricate, smontabili e riconvertibili che si legano al nucleo abitativo originario in modo differente a seconda delle diverse modalità di ricostruzione. Dato il tempo medio di ricostruzione dei borghi storici che varia da 5 a 10 anni, nel lungo periodo le aree Sae da contesti abitativi emergenziali diventano veri e propri insediamenti dove l’abitare temporaneo diventa permanente.

From temporary to permanent dwelling
The research focuses on three communities of the Apennines involved in the 2016 earthquake: Montegallo, Arquata del Tronto and Amatrice. Here the process of depopulation and abandonment has been accentuated by the consequences of the earthquake. We aim to investigate the way these communities recreate a new geography of the landscape after the earthquake. The communities are relocated in Emergency Housing Solutions, prefabricated structures, demountable and reconvertible that are linked to the original housing nucleus in different ways according to the different reconstruction methods. Given the average time of reconstruction of the historic villages (ranging from 5 to 10 years), in the long run the Sae areas from emergent housing contexts become real settlements where the temporary dwelling becomes permanent.



Emergency housing under construction (Sae), Montegallo, Marche, december 2017



The project purpose and the working method

house / home
Le case Sae (house) diventano così i luoghi di un tempo e di uno spazio sospesi dei quali gli abitanti si riappropriano solo grazie alla ri-costruzione attiva della dimensione simbolica e identitaria della casa (home). Il processo di ricostruzione attivato dalle istituzioni, impositivo e assistenziale, impedisce invece la ricomposizione di un sé individuale e collettivo che può avvenire solo con un processo di ricostruzione attivo e partecipato. La ricerca intende muoversi proprio in questo spazio di incapacità di risposta da parte delle istituzioni ai reali bisogni dei cittadini, innescando un processo attivo di rielaborazione dell’abitare del passato attraverso mappe geografiche della memoria.

Si chiederà prima alle persone rilocate nei nuovi insediamenti di raccontare attraverso un disegno l’abitare del passato, sia quello intimo della propria casa sia quello in relazione al contesto. Il disegno-racconto, che è una mappa della memoria e dei ricordi, sarà realizzato e filmato nella nuova unità abitativa emergenziale. Il video, che ha una durata variabile corrispondente al fluire della memoria, è la raccolta del momento di riappropriazione dell’abitare, quando l’abitazione torna a essere casa.

La seconda fase del lavoro avviene invece in un contesto comunitario. Le mappe della memoria saranno prima interpretate e poi ricucite insieme agli abitanti, sia in senso simbolico sia fisico, nella mappa collettiva.

The inhabitants of the Sae- Emergency housing (HOUSE) have to reappropriate the symbolic and identity dimension of the HOME through an active and participated process. Instead, the post-earthquake reconstruction process by the institutions prevents the reconstruction of an individual and collective self. The research aims to fill this gap, giving voice to citizens and triggering an active process of rielaboration.
People relocated to new settlements will be asked to tell through a drawing their way of living,  intimate and collective, before the earthquake.


First of all, the people relocated to the new settlements will be asked to draw the story of their way of living in the past. The drawing-story / map of memory will be realized in the new emergency housing unit and filmed by the authors. The video, which has a variable duration corresponding to the flow of memory, will record the moment when the house returns to being home
The second stage expects the involvement of the inhabitants of the Sae who will stitch together the maps with the help of a psychologist.






The research project





Call for Projects Abitare
The project Tempo di ritorno was selected among the 50 finalist projects of the call Abitare: sette sguardi sul paesaggio fisico e sociale dell’Italia di oggi promoted by MiBACT in collaboration with La Triennale di Milano and the Museum of Contemporary Photography.



Marker
aislab 2018 — Milan, Italy